TERAPIA: L'APPROCCIO 

CENTRATO SULLA PERSONA

 

Cos'è? 

Cos'è? 

Si tratta di un dialogo interattivo faccia a faccia nel quale vi offro un ascolto empatico e senza giudizi, vi accompagno nel lavoro di esplorazione e comprensione delle emozioni più profonde, nell'analisi delle vostre relazioni e nella costruzione di strategie più adatte ai vostri bisogni attuali. 

Lo scopo è di riattivare le vostre risorse interiori per avviare un cambiamento che abbia un impatto reale nella vita quotidiana. 

Perché queste forze si dispieghino, abbiamo bisogno di relazioni umane positive. Per questo nell'approccio rogeriano è proprio il rapporto terapeutico la condizione cruciale per il funzionamento del lavoro.  

Come

funziona

Facendo leva sull'ascolto attivo, una forma di dialogo partecipato, sull'esplorazione delle vostre emozioni, sull'analisi delle esperienze presenti e sull'evocazione del passato, ci concentreremo su ciò che vivete e sentite per comprendere cosa succede al vostro interno e qual è il vostro funzionamento attuale. 

Come counselor metto in gioco tutte le mie forze: competenze, esperienze, tecnica, ma soprattutto "qualità umane", per comprendere non solo ciò viene detto, ma anche ciò che viene espresso, sottinteso, ciò che si lascia intravedere, ciò che sente. 

 

Essere riconosciuti davvero in ciò che si sta vivendo, essere raggiunti lì dove si è nel momento presente, essere accolti e accettati per quello che si è, senza giudizio e senza aspettative: tutto questo rappresenta un'esperienza potente, che aiuta a costruire gradualmente una consapevolezza e un'accettazione di sé, che sono la base essenziale per qualunque cambiamento.

Questo permette di partire davvero da sé stessi, e non da un'idea preconcetta, per costruire qualcosa di nuovo che sia più funzionale alla propria felicità. 

Grazie all'ascolto non solo dell'altro ma anche di se stesso, il counselor può usare le proprie reazioni per far avanzare il rapporto terapeutico. Può mettere in gioco "l'effetto che facciamo agli altri", in un ambiente protetto e in una relazione senza conseguenze sulla nostra vita quotidiana.

Il counseling funziona quindi come una palestra per la vita "di fuori", propone un rapporto diverso da quelli che sperimentiamo nella vita di tutti i giorni. Un rapporto che ci avvicina a noi stessi e ci permette di vederci diversamente, di essere guardati diversamente, aiutandoci a riflettere sulle dinamiche della nostra vita e delle nostre relazioni e a accompagnandoci nell'intraprendere un percorso di cambiamento. 

 

A cosa

serve?

Pensieri, sintomi, emozioni, sensazioni, sono dei segnali di qualcosa che sta accadendo al nostro interno e che ci chiede di essere ascoltata. 

Identificarla e sentirla, sono l'inizio di un percorso che, lungi dal portarvi verso soluzioni già pronte, vi accompagna nella ricerca delle vostre soluzioni e vi aiuta a re-imparare ad ascoltare le vostre emozioni e la vostra voce interiore perché essa recuperi la sua libertà e guidi le vostre scelte. 

Ciò che una persona vive durante una seduta è un riflesso, "un campione" delle sue relazioni esterne ma in un contesto sicuro e privo di conseguenze o di impatto sugli altri. 

In questa "rete di sicurezza" si può:

  • osservare e comprendere le proprie reazioni, a volte oscure;

  • prendere coscienza delle interazioni e delle reazioni che suscitiamo negli altri; 

  • prendere coscienza dei meccanismi che sono alla base della propria vita relazionale;

  • esplorare situazioni ricorrenti che sono fonte di disagio o infelicità;

  • comprendre meglio situazioni conflittuali

  • imparare a gestire le proprie paure e angosce;

  • costruire una comunicazione migliore con gli altri, ecc. 

“Una persona è un processo fluido, 

non un'entità statica; un fiume in continuo movimento,

non un blocco solido di materia; una costellazione

di potenzialità in perenne cambiamento,

non una serie predefinita di tratti.” ” 

Carl Rogers

Français

English

Italiano

Voglia di saperne di più?

Può essere difficile scegliere tra coach, psicologo, psicanalista, sofrologo, ecc. e soprattutto scegliere un approccio terapeutico. Ecco qualche link per aiutarvi a informarvi sull'approccio umanista e sul suo fondatore, lo psicologo Carl Rogers. 

La psicoterapia centrata sulla persona, detta anche "umanista", è stata teorizzata dallo psicologo americano Carl Rogers a partire dagli anni 40. Essa ha rivoluzionato la psicologia contemporanea ponendo la base per nuovi approcci: comunicazione non violenta, ascolto attivo, counseling, coaching, terapia esistenziale, ecc. Si basa sulla convinzione che ogni individuo ha in sé le risorse per realizzarsi ed essere felice. L'accompagnamento psicologico umanista punta a mobilitare e risvegliare le forze naturali di crescita che, in condizioni favorevoli, sviluppano naturalmente il potenziale innato in ognuno di noi. 

Voglia di saperne di più? Cliccate i link qui sotto. 

Per andare ancora più lontano
 

Ecco qualche titolo di opere dello psicologo Carl Rogers (fondatore della terapia centrata sulla persona) e di altri psicologi della stessa corrente. 

En français :

Irvin Yalom - Thérapie existentielle (Les livres de poche)

Carl Rogers - Psychothérapie et relations humaines : Théorie de la thérapie centrée sur la personne (ESF Edition)

In English:

Carl Rogers - A Way of Being (Houghton Mifflin)

Carl Rogers and Stevens, B. - Person to Person: The Problem of Being Human (Lafayette)

Rollo May - The courage to create

Irvin Yalom - Existential psychotherapy

In italiano: 

Rogers, C. R. - La terapia centrata sul cliente, Firenze (Psycho)

Rogers, C. R.; Kinget, G. M. - Psicoterapia e relazioni umane. Teoria e pratica della terapia non direttiva, Torino (Bollati Boringhieri)